Approfondimenti, Domande & Risposte, Edicola News, Lavoro e Previdenza

Decreto dignità: cosa cambia per colf e badanti?

Il 14 luglio 2018 è entrato in vigore il c.d. “decreto dignità” che ha modificato la normativa vigente in merito ai contratti a tempo determinato.

Cos’è cambiato per i collaboratori domestici?

1) Il D.L. 87/2018 ha modificato il totale complessivo dei mesi in cui il lavoratore può rimanere a tempo determinato presso lo stesso datore anche come somma di più contratti. In precedenza il totale era di 36 mesi mentre ora si é ridotto a 24.

2) Il contratto a tempo determinato può essere prorogato, con il medesimo datore di lavoro, per un massimo di 4 volte contro le 5 previste in precedenza. La somma dei mesi di lavoro previsti nel contratto iniziale e le proroghe comunque non deve mai superare i 24 mesi altrimenti il contratto viene trasformato a tempo indeterminato in modo automatico.

3) E’ stata reintrodotta la motivazione come condizione necessaria alla stipula del contratto a tempo determinato. La motivazione deve quindi ricondursi a:

a) esigenze temporanee e oggettive, estranee all’ordinaria attività, o esigenze che derivino dalla necessità di sostituzione di altri lavoratori;

b) esigenze connesse a incrementi temporanei, significativi e non programmabili dell’attività ordinaria.

La motivazione non é necessaria nei primi 12 mesi del 1° contratto stipulato con la colf o badante quindi il contratto può essere anche prorogato liberamente nei primi dodici mesi ma successivamente, solo in presenza delle condizioni sopra indicate. Nel caso invece di rinnovo del contratto iniziale vanno sempre specificate le motivazioni anche se i 12 mesi non sono ancora intercorsi.

Le nuove disposizioni dettate dal D.L. 87/2018 si applicano ai contratti di lavoro a tempo determinato stipulati successivamente alla data di entrata in vigore del presente decreto ma anche ai rinnovi e alle proroghe dei contratti in corso alla medesima data.

La norma prevede anche un aumento dei contributi per i datori di lavoro ma grazie anche all’intervento dei sindacati di categoria, la discussione in merito durante l’iter di conversione in legge del decreto, ha portato ad escludere tale aumento per i datori di lavoro domestico.

FONTE: https://bit.ly/2SXqgeu

Annunci

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...